Vorrei fosse domenica

C’è ancora il sole che scalda l’aria durante il giorno, è quel periodo nel quale le persone che appartengono alla mia piccola parte di mondo sono divise in due macrocategorie: quelli che amano godersi di nuovo la città, la casa e la famiglia, e quelli che invece vogliono passarla al mare, non rinunciando ancora alla tintarella e non volendo perdersi nemmeno un nano secondo di questi ultimi weekend d’estate dove nei bagni quasi deserti si sta d’incanto, senza la confusione dell’estate piena e con solo l’andirivieni delle onde del mare in sottofondo.  Voglio raccontarvi di una semplice, perfetta domenica di settembre. Mi alzo alle 10, pochi ingredienti nel look, trucco leggero, t-shirt bianca, borsa di tela (occhio, il trend è dietro l’angolo 😉 ) , gonna a fiori che sfiora le caviglie e Converse della vita ai piedi (e con della vita intendo ‘ce le ho da tutta la vita e intendo continuare ad indossarle finché sarò un 36 di piede perché le adoro’). Alle 10.30 sono già a fare colazione al solito bar. Strano, in questo caso “solito” suona tutt’altro che noioso, piuttosto cela un senso di casa, di legame indissolubile con un posto, ricordi legati anche solo ad una semplice miscela di caffè, perché diciamolo, ognuno di noi ha il suo ‘solito bar’ dove sentirsi sempre al posto giusto bevendo il caffè giusto. Io e Nini ci accomodiamo ad uno dei tavolini esterni e nel momento esatto in cui mi siedo penso che tra poco sarà troppo freddo per fare colazione fuori. Ma che importa, oggi fa ancora caldo, voglio godermi il momento. Mentre attendiamo il nostro espresso chiudo per un attimo gli occhi. Sento qualche uccellino cantare, le macchine che passano sulla strada, le campane della chiesa. E poi loro, i miei preferiti, i signori over 60,  sempre rigorosamente allo stesso tavolino, che fanno discorsi impegnati sulla politica. Non si sa come, ne sanno sempre di più degli altri. Quanti dibattiti politici sono stati affrontati a quel tavolino. In effetti mi chiedo perché essendo così esperti siano ancora lì a parlare e non invece a risolvere tutti i problemi del nostro paese, ma questa è un’altra storia. Riapro gli occhi perché sento il profumo del caffè, e voglio assaporarlo fino all’ultima goccia, caldo, amaro, perfetto. Uscendo dal bar, prendo una rivista al volo dal giornalaio sulla strada. É anche quel periodo dell’anno in cui si ha bisogno di ispirazione di stile per la stagione in arrivo, ça va sans dire. Beh, al mare ci sono stata ieri, direi che posso tranquillamente optare per una passeggiata in centro. Anche perché devo assolutamente rientrare per pranzo. Il pranzo. Un’altra cosa che amo della domenica. Probabilmente sarà solo un’usanza del sud, ma il pranzo della domenica è sacro. C’è movimento fin dalle 7 di mattina. E chi come me ha la fortuna di avere ancora i nonni può capirmi. Nello specifico nonna stamattina ha deciso di arricciare i fusilli a mano, mentre il sugo già ribolliva nella pentola e il profumo inondava tutta casa. É un privilegio però di cui si può godere solo a casa di nonna. Per qualche strana ragione quando sono a casa mia la domenica è un giorno come un altro, culinariamente parlando. Ma che importa, oggi sono da nonna e voglio godermi il momento. Per cui nel tempo che mi resta prima di rientrare mi guardo intorno e cerco di farlo. Scopro che mi piace da matti trovarmi in un piccolo centro col suo solito bar, vedere le famiglie unite con i bambini, i vecchietti tuttologi che discutono, i ragazzi che parlano di come affronteranno l’inizio della scuola. Scattiamo qualche foto prima di accorgerci che è ora, l’immancabile avvertimento di nonna prima di uscire di casa parla chiaro: “non fate tardi, alle dodici e mezza si mangia!”. Rientriamo senza essere certi di avere lo scatto giusto. Ma che importa, è domenica, voglio godermi il momento. ❤

“E stringi la giornata fra le dita, che tra poco è già finita, così è la vita” – Vorrei fosse domenica, Coez

Collage.JPEG

All is pretty ★ F

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.